VomeroToday

Villa Floridiana, è ancora allarme abbandono tartarughe

Cresce costantemente il numero dei continui abbandoni di nuovi esemplari di tartarughe da parte di proprietari senza scrupoli, che decidono di lasciarle illegalmente nella fontana del parco vomerese

In Villa Floridiana è sempre più emergenza tartarughe. Sono oltre 100, infatti, gli esemplari per lo più del genere Trachemys e Pseudemys, e il loro numero è in costante aumento. A lanciare l'allarme è Domenico Vitiello del portale specializzato "Tartapedia.it".

"Le tartarughe acquatiche in Villa Floridiana - spiega Vitiello a Raffaele Cirillo de Il Gazzettino Vesuvio - sono in esubero da oltre due anni e il loro numero cresce costantemente per via dei continui abbandoni di nuovi esemplari da parte di proprietari senza cuore, che decidono di lasciarle illegalmente nella fontana del parco vomerese. E’ una vera e propria emergenza per i poveri rettili che, essendo così numerosi, non hanno di che sfamarsi e sempre più spesso non è difficile osservare atti di cannibalismo tra simili".

"L’intervento di trasferimento di circa 20 esemplari, effettuato oltre un anno fa dai volontari del Turtle Point di Bagnoli - prosegue Vitiello - non è riuscito a contenere la problematica. Bisogna ricordare che l’articolo 727 del Codice Penale disciplina tali abbandoni punibili con multe dai 1.000 ai 10.000 euro e, a discrezione del giudice, anche con l’arresto fino ad un anno. Quindi anche iniziare ad esporre un semplice cartello, con su evidenziate le sanzioni in cui si incorre abbandonando lì le tartarughe, potrebbe già ridurre il fenomeno, anche se di poco probabilmente. Per risolvere la difficile situazione serve un intervento mirato, magari con l’aiuto di un guardiano e di telecamere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento