VomeroToday

Vomero, infermiere multato per 533 euro: "Non mi hanno creduto"

Gli agenti non hanno creduto che l'infermiere stava tornando a casa dopo aver prestato servizio presso il domicilio di una sua paziente

Sfogo su Facebook di un infermiere domiciliare, multato al Vomero, in piazza Medaglie d'oro, dopo essersi recato da una sua paziente per la sostituzione di un ileostomia. Una pattuglia di polizia lo ha fermato multandolo per 533 euro, in  quanto "violava le prescrizioni atte al contenimento del rischio epidemiologico, lasciando senza giusto motivo il proprio domicilio/dimora, risultava infatti che fosse in atto uno spostamento non motivato da esigenze lavorative".

Nel post Facebook Davide Brignola (che farà ricorso) racconta nei dettagli la sua disavventura.

"Premesso che faccio l'infermiere domiciliare e il mio lavoro mi piace molto, da quando è iniziata la pandemia del COV-19 ho continuato ad effettuare prestazioni a domicilio dotandomi dei dpi specifici e facendo un anamnesi telefonica del paziente prima di recarmi al suo domicilio. Infatti in questa situazione così particolare, di paura, di rischio, mi stanno contattando pazienti, amici o conoscenti che mi chiedono consigli o che hanno bisogno di un mio intervento professionale, per evitare di affollare il pronto soccorso. Stamattina sono stato contatto da una mia paziente, in zona Vomero, per la sostituzione di un ileostomia, accetto la prestazione e faccio presente che sarei andato nel primo pomeriggio. Infatti alle 16.30 arrivo dalla paziente, effettuo la prestazione e vado via. Giunto a Piazza Medaglie d'oro vengo fermato da una volante della polizia, un normale controllo penso, mi accosto gli dico che sono un infermiere, mostro il tesserino dell'OPI, i miei documenti e quelli dell'auto. I poliziotti in questione iniziano a farmi delle domande, vogliono sapere cosa facevo per strada, dove ero stato e dove dovevo andare. Gli spiego che ero stato da un paziente e che stavano rientrando al mio domicilio. Loro insistono dichiarando che è strano che di domenica pomeriggio sia in giro a fare una prestazione sanitaria, faccio presente che nel mio lavoro non esistono le domeniche o i festivi e che se qualcuno ha bisogno io ci vado. Continuano a farmi le domande e mi chiedono l'autorizzazione, faccio presente che nn la posseggo e che possono tranquillamente darmelo loro, insistono nel sapere da dove provenivo e mi costringono a dire nome e indirizzo della paziente (non so se dovevo farlo visto le leggi sulla privacy). Ad un certo punto mi chiedono perché non indosso la mascherina, faccio presente che non è obbligatorio indossarla nell'abitacolo della propria auto e che era adagiata su una garza sul sedile, loro insistono che devo indossarla e io faccio presente ad uno dei due agenti che il collega stava maneggiando i miei documenti senza i guanti monouso, iniziano a minacciarmi dicendomi che devono farmi la multa, io continuo a dire che stavo rientrando da una prestazione sanitaria e che questa situazione era paradossale. Dopo circa 30 minuti di fermo mi consegnano un verbale di 533,33 euro, ridotta del 30% se pagata entro 30 giorni. Alla descrizione dell'infrazione l'agente ha scritto "che violava le prescrizioni atte al contenimento del rischio epidemiologico, lasciando senza giusto motivo il proprio domicilio/dimora, risultava infatti che fosse in atto uno spostamento non motivato da esigenze lavorative". Naturalmente contesto per iscritto che in realtà le esigenze lavorative esistevano visto che avevo svolto una prestazione sanitaria. Morale della storia torno a casa con un verbale da 533,33 euro per aver svolto il mio lavoro".

La nota della Questura

Fonti della Questura di Napoli, riportate dalla Dire, in merito alla vicenda di Davide Brignola, dichiarano che la persona fermata ha sì comunicato i dati necessari alla compilazione dell'autocertificazione (le generalità e l'indirizzo della persona assistita), ma solo dopo che gli agenti gli avevano elevato il verbale. Fino a quel momento non aveva ritenuto di fornire alcuna informazione che consentisse agli agenti di compilare il documento in ogni sua parte. Il verbale, una volta redatto, non è in alcun modo annullabile su strada ma solo presentando uno scritto difensivo successivamente al Prefetto. La Questura rimarca poi la disponibilità degli agenti a fornire chiarimenti su strada durante i controlli "svolti con rigore ma con la necessaria comprensione nei confronti dei cittadini tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento