VomeroToday

Scossone alla V Municipalità: il Presidente De Luca lascia DemA

Con lui anche quattro consiglieri municipali

"Comunichiamo, con rammarico, la decisione di porre fine alla nostra esperienza nel movimento DemA. Siamo giunti a tale sofferta conclusione, a seguito di una lunga riflessione, nel corso della quale abbiamo maturato la consapevolezza di non condividere più alcuno degli attuali tratti identitari del movimento. Non ci appaiono chiare, né adeguatamente motivate, le scelte territoriali assunte su temi cruciali per la città. Non condividiamo le modalità di gestione dei conflitti, dei rapporti tra istituzioni, di relazione tra le persone". Ad annunciarlo in una nota sono il Presidente della V Municipalità Paolo De Luca e quattro consiglieri di maggioranza Antonio Iozzi, vicepresidente e assessore all'Ambiente, Fabiana Felicità, Enrico Von Arx e Adolfo De Santis.

Il numero uno della municipalità collinare negli ultimi mesi aveva già mostrato in più occasioni il suo disappunto per alcune scelte dell'amministrazione comunale. 

"Riteniamo radicalmente stravolto l'impianto originario del movimento, partito inizialmente per creare un contenitore politico aperto, diffuso, radicato sul territorio e sui territori, nella società, nelle comunità, divenuto, invece, a poco più di un anno dalle elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale di Napoli, un soggetto politico non in grado di andare al di là della mera gestione o della composizione di spazi d'appartenenza, sul cui futuro collocamento e sulla cui possibilità di rilancio, anche in vista delle prossime scadenze elettorali, nutriamo forti perplessità. Sul piano amministrativo, troppo lungo l'elenco delle incomprensioni tra 'centro' e 'periferia', su temi dirimenti e caratterizzanti il programma di mandato con il quale ci siamo presenti agli elettori nel 2016. Languono negli uffici degli assessori comunali atti e problematiche la cui risoluzione sarebbe strategica per la cittadinanza e per dare credibilità all'istituzione municipale che rappresentiamo: Casa della Socialità chiusa da 3 anni per la mancanza di una fornitura elettrica, ZTL Vomero al palo, risorse azzerate per la manutenzione stradale e del verde municipale, impossibilità di dare risposte su servizi essenziali quali ad esempio il rifacimento della segnaletica o il ripristino dei parchi municipali laddove, piuttosto che ottenere il doveroso sostegno da parte del Comune, la Municipalità, nei giorni scorsi, ha dovuto subire un incomprensibile attacco, proprio dal Sindaco e dall'Assessore Borriello. Tali episodi hanno provocato una lacerazione profonda, insanabile, tutto sommato preannunciata e, con rammarico, perfino evitabile, con impegno ed un'attenzione, purtroppo mancati", prosegue la nota. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'auspicio è che questa nostra decisione possa portare i vertici del movimento ad avviare una seria e profonda riflessione interna, volta a riportare DemA al suo protagonismo iniziale ed al recupero di quella funzione innovatrice e realmente riformista, allo stato, a nostro avviso, completamente smarrita. Restiamo fermamente convinti della necessità di mantenere vivo il nostro impegno politico ed amministrativo, all'interno del campo del centro sinistra e di quel laboratorio politico comune che ha recentemente portato alla elezione al Senato di Sandro Ruotolo. Restiamo, altresì, convinti del fatto che, proprio rilanciando il centrosinistra, anche la maggioranza municipale che rappresentiamo e nella quale continueremo a lavorare saldamente, possa migliorare la propria azione politica ed avere maggior slancio nel far fronte alle croniche e strutturali difficoltà della città", concludono De Luca, Iozzi, Felicità, Von Arx e De Santis. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento