Vomero Today

Stazione Metro Rione Alto, le opere d'arte nel degrado

L'opera "Volo" dell'architetto napoletano Achille Cevoli è imbrattata da scritte e contornata da immondizia. Metronapoli promette di provvedere al più presto alla risoluzione della questione

L'opera di Cevoli "Volo"

Era il dicembre del 2002 quando fu inaugurata la seconda uscita della stazione Rione Alto, appartenente alla Linea 1 della Metropolitana di Napoli. Ad impreziosire l'uscita che va verso via Mariano Semmola c'era e c'è l'opera dell'architetto napoletano Achille Cevoli, "Volo", quella formata da cupole di metallo e vetro e arricchita da una fontana, al cui interno si trova uno splendido mosaico.

Oggi, purtroppo, le cupole sono opache e piene di graffiti (se così si può definirli), il metallo è quasi del tutto arrugginito, la fontana è spenta e senza acqua ed il mosaico è totalmente lasciato all'incuria. E come se non bastasse, all'interno delle vasche dove dovrebbe esserci l'acqua, c'è l'immancabile immondizia.

Questa è la triste situazione in cui versa un'opera d'arte come quella di Cevoli che avrebbe dovuto impreziosire la stazione metro del Rione Alto e per la quale, peraltro, furono spese ingenti quantità di denaro.

Lo stesso Cevoli chiede a gran voce da mesi di "salvare" la sua creatura dal decadimento ed intanto Metronapoli promette al più presto di provvedere alla risoluzione della questione.


Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Notizie SSC Napoli

      Napoli-Benfica 4-2: spettacolo al San Paolo, gli azzurri volano

    • Politica

      Napoli non dimentica gli eroi delle Quattro Giornate

    • Cronaca

      Tragedia sull'aliscafo Napoli-Capri: muore una turista 72enne

    • Cronaca

      Video hot nel napoletano: scattano le prime denunce

    I più letti della settimana

    • Rione Alto, arrestato 62enne per sfruttamento della prostituzione

    • Piazza Fuga, questa sera il "Gran Ballo del Libro"

      Torna su
      NapoliToday è in caricamento