menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Vomero Today

I bambini della scuola Piscicelli 007 per il Fisco: caos e proteste

Ha destato scalpore l'iniziativa "Uno scontrino per l'estate", intrapresa dalla scuola elementare Piscicelli in collaborazione con l'Agenzia delle Entrate. Molte le proteste delle associazioni locali

Scuola

È scoppiato un vero e proprio caso intorno all'iniziativa "Uno scontrino per l'estate", intrapresa dalla Scuola elementare Piscicelli dell'Arenella in collaborazione con l'Agenzia delle Entrate, che dovrebbe vedere gli alunni della scuola collinare trasformati in piccoli detective per evidenziare possibili commercianti evasori.

Le associazioni Noi Consumatori e Napoli Punto a Capo, infatti, hanno prontamente segnalato il fatto a Telefono Azzurro, temendo gravi conseguenze psichiche che tale iniziativa può comportare a bambini di nove e dieci anni.

“Si tratta di un’iniziativa inaccettabile che deve essere immediatamente annullata – dichiarano Angelo Pisani presidente di Noiconsumatori e Sergio Fedele, di NapoliPuntoaCapo - . Questo progetto trasforma i bambini in veri e propri investigatori alla mercè del fisco perché durante le vacanze andranno a caccia dei commercianti che non rilasciano lo scontrino, un autentico impiego che non lascia spazio a giochi e spensieratezza, diritti fondamentali ed inviolabili dei bambini.  E’ inammissibile caricare sulle spalle dei bambini il peso degli errori e dei problemi degli adulti”.

Noi Consumatori e Napoli Punto a Capo, chiedono dunque un immediato intervento dell’assessore Tommasielli, dell’assessore Palmieri, dell’Agenzia delle Entrate, del Preside della Scuola “Piscicelli”, del Dipartimento scolastico e di Telefono Azzurro, affichè “Napoli non diventi esempio di una pagina triste per i diritti dei più piccoli”.

 

Potrebbe interessarti

Commenti (4)

  • scuola piscicelli piuttosto direi che questa scuola crea caos sulla strada come mai i vigili non pattugliano inorario di scuola quando mamme perfino con il suv di turno parcheggiano in seconda fila creando caos e traffico agli automobilisti di passaggio?

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    non posso che quotare il commento di Roberto oggi si abusa anche di questo telefono azzurro cos e pazz.

  • Avatar anonimo di Roberto
    Roberto

    Ma che cosa ridicola.. Denunciare la cosa al telefono azzurro perchè puo' nuocere ai bambini? Ma pensano che la gente sia davvero così idiota? pensano che al telefono azzurro vi siano dei dementi? L'Associazione Noi Consumatori cercassero di difendere davvero i consumatori e no gli evasori fiscali...totalmente ridicoli

  • Avatar anonimo di mimmo
    mimmo

    Be forse l'intento è di insegnare sin da picolli un po di legalità, come un gioco. Un gioco che puo nuocere solo agli evasori.......  che hanno da temere coloro che si oppongono e chiamano persino telefono azzurro?? Mica li vogliono picchiare ???

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Stefano, la telefonata alla fidanzata dopo l'incidente: "Sto bene". Poi la fine

  • Cronaca

    Tutti i dettagli dell'arresto di Ciro Nappo

  • Cronaca

    Carla Caiazzo, lacrime e dolore: la toccante intervista a "I Fatti Vostri"

  • Cultura

    "Dalla testa ai piedi", i quadri di Mariano Bruno e Rosanna Avenia

Torna su