VomeroToday

Era l'incubo dei giovani studenti: arrestato rapinatore all'Arenella

L’uomo selezionava le sue vittime tra i giovani studenti che di buon mattino si recavano a scuola e, sotto la minaccia di una pistola, le rapinava dei telefoni cellulari

Era diventato l’incubo dei giovanissimi studenti ma, nella tarda mattinata di ieri, gli agenti del Commissariato di Polizia “Dante” sono riusciti a rintracciarlo e bloccarlo.

Si tratta di un 35enne napoletano, scarcerato il 19 aprile scorso. L’uomo selezionava le sue vittime tra i giovani studenti che di buon mattino si recavano a scuola e, sotto la minaccia di una pistola, le rapinava dei telefoni cellulari.

L’ultima vittima a cadere nella sua trappola è stato un 13enne che, mentre era diretto a scuola in Piazza Canneto, è stato avvicinato dal rapinatore in Via Confalone.

Il 35enne arma in pugno, non ha esitato a minacciare la giovanissima vittima, sottraendogli un telefono cellulare Huawei P8. Il ragazzino, benché impaurito, ha memorizzato le caratteristiche somatiche del rapinatore, sapendo descrivere ai poliziotti, con dovizia di particolari, anche l’abbigliamento indossato.

I poliziotti, grazie alla descrizione fornita dal 13enne, sono riusciti a stringere il cerchio tra i pregiudicati della zona, dediti a tale tipologia di reato, identificando nel 35enne il responsabile. L’uomo è stato rintracciato dagli agenti nei pressi della sua abitazione, mentre stava rincasando. Inutile, alla vista della Polizia, il tentativo di dileguarsi.

All’interno della sua abitazione, nascosta in un cassetto di un mobile ubicato nell’ingresso, è stata rinvenuta l’arma utilizzata per compiere la rapina, una replica di pistola semiautomatica, priva del tappo rosso, marca Walther CP99 Compact calibro 45.

Riconosciuto senza ombra di dubbio, il 35enne è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, perché responsabile del reato di rapina aggravata e condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si esclude che l’uomo sia responsabile di altre rapine, commesse sempre ai danni di giovani studenti, messe a segno con lo stesso modus operandi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento